Benvenuti nella pagina web della Basilica della Mercede. Quando abbiamo pensato a come presentare la pagina che state visitando, abbiamo scelto come titolo “Aprire la Basilica”.

Ci sembrava fosse un modo di adottare le parole di Papa Francesco: “la Chiesa è chiamata ad essere sempre la casa aperta del padre. Uno dei segni principali di questa apertura è tenere le porte dei templi aperte ovunque”.

Crediamo che riassuma correttamente quello che potete trovare qui. Aprire la Basilica significa aprire uno spazio di preghiera e raccoglimento ai piedi della Madre di Dio de la Mercede. Uno spazio accogliente in un tempio che vuole essere aperto anche al passato, così carico di storia rigorosamente legata alla nostra amata città di Barcellona.

Effettivamente la nostra storia cominciò qui, con il vescovo Berengario, il re Giacomo I e San Pietro Nolasco, fondatore dell’ordine della Mercede. Il nostro passato è meraviglioso e fecondo di spiritualità.

Aprire la basilica significa anche proiettarsi verso il futuro, oltre il momento. Invitare non solo i fedeli, figli della Parrocchia, ma anche tutti i figli e figlie di Dio della città di Barcellona, della quale la Mercede è protettrice e sovrana. Ospitare quanti pellegrini del mondo sperano di trovare, nel nostro santuario, uno spazio aperto e di amore fraterno.

Aprire la basilica è aprire il cuore al fratello che ha bisogno. Non solo come conseguenza di occupare un posto centrale, in un luogo culturalmente complesso, ma per coerenza alla propria fede cristiana e lealtà a San Pietro Nolasco. La presenza della nostra comunità, Los hermanitos del Cordero, così come tante altre iniziative simili, devono incoraggiare ad “aprire la basilica” anche alle persone bisognose.



Esistono tre ambiti fondamentali della Basilica che ci orientano verso la spiritualità, il pellegrinaggio e la carità. La spiritualità significa offrire uno spazio di silenzio per la preghiera, la possibilità di ritiri spirituali, i momenti prolungati di devozione al Santissimo Sacramento e di venerazione alla nostra Madre Maria.

Il pellegrinaggio significa far sapere ai fedeli chi è la sovrana che li aspetta e che protegge i loro figli venuti da lontano. Da questa casa partì una grande iniziativa missionaria e liberatrice che tutt’oggi mantiene pieno vigore. Anche oggi la Vergine desidera essere madre di misericordia di tutti i viaggiatori di questo mondo convulso, spesso prigionieri del desiderio di ricchezza, piacere e seduzione nei quali soccombe la nostra autentica libertà.

Qui troverete non solo gli orari aggiornati dei servizi e dei culti della basilica, ma anche, di giorno in giorno, la confraternita della Madonna della Mercede, sostenitrice speciale della vita della Basilica, e altre iniziative che ambiscono ad accomunare lo sforzo di molti volontari e volontarie che si aggregano a questo grande progetto. Sono loro i nuovi Mercedari che spronano a scoprire questo spazio di devozione dove ci incontriamo con Dio e con i fratelli, mentre andiamo in pellegrinaggio insieme sotto lo sguardo di Maria.


 

GOIG A LA MARE DE DÉU DE LA MERCÈ

TORNADA
 
Deis captius Mare ¡ Patrona, puix del
Cel ens heu baixat: Princesa de
Barcelona, protegiu vostra ciutat.


Els reis moros tenen plenes ses
masmorres de captius que el remor de
les cadenes ploren llàgrimes a rius.
Jesucrist no els abandona, puix Nolasc
els ha escoltat:

Veu Nolasc els seus martiris i a la
Verge els oferí, jardinera d’eixos lliris
que trepitja el sarraí.
De les mares la més bona ais bons
presos s’ha afillat:

Entre càntics i harmonia a Nolasc
s’apareix, la nit fosca es torna dia que
de llum tot ho rubleix. Té a un costat
Santa Madrona, Santa Eulàlia a altre
costat:

Descobrint Ella el misteri diu: -Nolasc,
no tinguis por; deis que estan en
captiveri tu en seràs el redemptor.
Jo seré ta companyona, tu seràs el meu
soldat:

Dónan’n compte al rei En Jaume i a
Ramon de Penyafort, i a arrancar filis
ajudau-me d’entre el braços de la
mort. Ves tu a l’África i destrona a qui
el món té esclavitzat:

En aquella hora Maria, bella font de
les Mercès, com deis reis la estrella un
dia, deixa’s veure de tots tres.
Del Cel baixa, com una ona, dolç
perfum de caritat:

Nostra Seu hermosa i bella d’aquesta
Orde és el bressol, l’orient d’aquesta
estrella que els esclaus prendran pel
sol. Per blasó amb sa creu els dona,
l’ample escut del Principat:

Oh captius de Moreria, no ploreu ja
de tristor, que la Verge vos envia
missatgers del seu amor. Donaran
fins sa persona per comprar-vos el
rescat:

Ve Maria a rompre els llaços a
vuitanta mil esclaus; saludeu-la, que
sos braços són cadenes molt suaus.
Ella el món desengrillona de la serp
que el té lligat:

Amb blanc hàbit de puresa van ¡
vénen per la mar els coloms de la
Princesa que té aquí son colomar.
Per tota Àfrica ressona el seu cant de
llibertat:

No té esclaus ja Moreria, Llucifer els té
a milions.
Oh! preneu-los-hi, Maria, tots els
regnes i nacions.
Es l’infern la negra androna de la gran
captivitat:

Barcelona enamorada vos fa trono del
seu cor: puix del Cel li sou baixada,
feu-ne cel de vostre amor. Vostre braç
que esforç els dóna sia sempre al seu
costat:

En certamen de cent pobles sa corona
li da’l món; la pren ella i amb mans
nobles la ha posada en vostre front.
Per sa Reina vos corona la que ho és
del Principat:

Que del Cel baixeu encara vostra
imatge d’or ho diu, que amb els
braços ens empara com una àliga son
niu.
Per sa estrella us mira l’ona, per son
àngel la ciutat:

Lletra de mossèn Jacint Verdaguer
Música del mestre Lluís Millet



Descarrega els Goigs de la Mare de Déu de la Mercè
Descarga els Goigs de la Mare de Déu de la Mercè



e-mail: